Ultracorpi

Dell’arte iperrealista americana si è detto molto. Le sculture di Duane Hanson testimoniano quanto sia “traumatico” l’incontro con il reale (Hal Foster, The Return of the Real, 1996). L’arte di Hanson, che pretende di riprodurre ciò che è senza interpretarlo, rende semmai palese l’impossibilità del reale. Perché la realtà del mondo non è nella sua immagine. E riprodurre tale immagine, accettando il mondo per come esso ci appare, è dunque l’opposto della conoscenza (Susan Sontag, On Photography, 1977).

Duane Hanson, Young shopper (1973)

Duane Hanson, Young shopper (1973)

All’arte iperrealista come emulazione del corpo fanno da contrappunto i Körperwelten (“mondi del corpo”) dell’anatomista Gunter von Hagens: veri corpi umani, sottoposti al trattamento della plastinazione per essere preservati ed esposti, secondo una tradizione che ha le sue origini nel Rinascimento. Da un lato una finzione troppo realistica per essere reale, dall’altro il corpo umano che si fa rappresentazione e spettacolo.

Gunther von Hagens, Korperwelten

Gunther von Hagens, Korperwelten

In mostra a Zurigo fino al 2 febbraio 2010 (Korperwelten & Der Zyklus des Lebens).

Add your comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Media Arte Tecnologia

© 2012 Sneek
Powered by WordPress, Endless & Sneek

Il Grande Globo è pubblicato con licenza Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0. Disclaimer: Questo sito non è una testata giornalistica. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Quasi tutte le immagini pubblicate sono tratte da Internet e valutate di pubblico dominio. Qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, si prega di comunicarlo a myself [at] paolocosta.net