Giornalismo e ipertelevisione (12)

Ad ascoltare Vittorio Feltri, ospite ieri sera di Porta a Porta su Rai 1, mi è venuto da pensare che i tempi sono davvero cambiati. Erano anni che Feltri non si mostrava così garbato e premuroso nei confronti del segretario del PD, Pier Luigi Bersani, fin quasi a dargli ragione, a riconoscere la sensatezza delle sue obiezioni rispetto alla modifica dell’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori. Sono i miracoli del governo tecnico, si dirà. Certo è che tutta la trasmissione è stata condotta all’insegna del pompieraggio. Tutti a dire che sì, c’è un problema sull’articolo 18, ma si tratta di un problema piccolo: quello che conta è l’intesa sull’impianto generale della riforma del mercato del lavoro, cui tutti acconsentono e che anzi viene costruendosi proprio con il prezioso contributo di idee del PD. Insomma: sminuire, sdrammatizzare e depotenziare il rischio che la tensione sociale torni alta.

Della puntata di Porta a Porta di ieri abbiamo parlato durante della lezione odierna del corso Giornalismo e ipertelevisione, che stiamo svolgendo all’Università di Pavia. Qui sotto pubblico i materiali presentati oggi in aula:

Nell’ambito della lezione abbiamo considerato in particolare il lavoro semiotico del testo televisivo. Non ci siamo quindi limitati a un’analisi contenutistica, ma ci siamo occupati della dimensione enunciativa (Che cosa fa la trasmissione? Riferisce i fatti? Sviluppa una discussione intorno a essi? Li sfrutta per suscitare emozioni?) e di quella performativa (Qual è la posizione del presentatore? Pone domande mantenendo un atteggiamento neutrale, oppure espone le proprie tesi? In che modo il pubblico è coinvolto?)

In particolare lo smontaggio della puntata ci ha portato a porre in evidenza l’organizzazione del flusso di cui si compone la trasmissione, enucleando le unità discrete e la logica della loro sequenza. Ci siamo inoltre soffermati sul contributo che i singoli aspetti formali (scenografia, illuminazione, stile di ripresa) portano al processo di significazione.

La trasmissione di ieri ci pare riconducibile a quella che Jeremy G. Butler identifica come televisione dell’interazione fra mondo storico e realtà del video. Un’interazione, cioè, garantita dal ruolo dell’anchor-demiurgo, il quale esercita il ruolo centrale di pontefice. Il pontefice – Bruno Vespa – è colui che celebra il rito, ne garantisce l’autenticità e stabilisce ponti (pontifex, appunto) fra mondo storico e studio televisivo. Vespa è lo sciamano che unisce mondo e schermo. E la figura geometrica chiave è dunque il cerchio, come cerco di evidenziare nelle figure qui sotto (le linee curve di colore bianco sono state da me sovrapposte ai fotogrammi): un cerchio magico entro il quale tutto si iscrive e che ha nell’officiante Vespa il proprio centro.

Porta a Porta

Porta a Porta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Animated Social Media Icons by Acurax Responsive Web Designing Company
Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On Google PlusVisit Us On PinterestVisit Us On YoutubeVisit Us On Linkedin