#costweetuzione

#costweetuzione, un’analisi

“Rilegge per celebrare”, abbiamo detto. L’esperimento di #costweetuzione – la rilettura collettiva della Costituzione italiana fatta il 25 aprile scorso attraverso Twitter – ha dato corpo a un repertorio di commenti e riscritture tutto da studiare. Ho provato a fare qualche misurazione a caldo, partendo dal materiale meritoriamente raccolto da @Valeria_Di_Rosa per U10 (si veda il tweetbook qui).

Intanto ho svolto un rudimentale e rapidissimo spoglio lessicografico, giusto per verificare quali fossero i lemmi più frequenti nel corpus di #costweetuzione. Scopriamo così che il termine di maggiore utilizzo è repubblica, con 67 occorrenze: molto più utilizzato di nazione (solo 12 occorrenze), come era facile attendersi, ma anche di paese (7 occorrenze). Quanto alla parola comunità, essa non compare mai in #costweetuzione. D’altronde il sentimento comunitario potrebbe essere espresso dalla prevalenza di cittadini, al plurale (15 corrispondenze), rispetto allo stesso termine declinato al singolare (3 occorrenze). Il campo semantico più rappresentato è quello della libertà: sostantivo e attributo (libero, libera, liberi) valgono 75 occorrenze. Il termine diritto, al singolare, fa registrare 32 occorrenze; al plurale solo 10. La parola dovere, invece, compare 7 volte al singolare e 4 al plurale. I predicati più gettonati, con riferimento alla nostra costituzione, sono promuove (18 occorrenze), tutela (15), ripudia (11), riconosce (9) e garantisce (7).

#costweetuzione tag cloud

Ma l’analisi mi sembra più significativa per le assenze. A parte che il termine donna compare, fra singolare e plurale, solo 7 volte (contro le 15 occorrenze di uomo), colpiscono soprattutto gli hapax legomena. Fra i termini rappresentati una sola volta ne segnalo due, clamorosi: patria e felicità. Tale avarizia, d’altronde  ha un riscontro nella Costituzione. Nella nostra legge fondamentale il termine patria compare due volte: nell’articolo 52 (“difesa della patria”) e nell’articolo 59 (riferito ai senatori a vita, che con il loro esempio “hanno illustrato la patria”). Quanto alla felicità, com’è noto essa è esplicitamente citata nella Dichiarazione di indipendenza degli Stati Uniti (“the right of seeking happyness”), mentre i nostri costituenti hanno preferito la perifrasi “pieno sviluppo della personalità umana”, bella quanto vaga. Tutto sommato modesta, nel corpus di #costweetuzione, anche la presenza di partigiano (3 occorrenze) e antifascista (una sola corrispondenza). In sostanza si può dire che, almeno dal punto di vista delle scelte lessicali, nel progetto #costweetuzione sia prevalso un approccio mimetico e di rispecchiamento. E ciò si riscontra in parte anche nello stile, che punta decisamente sul solenne e l’ufficiale.

Quanto alla partecipazione e all’audience del progetto, mi sono affidato ai numeri prodotti da TweetReach. Risulta così che a #costweetuzione abbiano partecipato 530 utenti, contribuendo con 1.139 messaggi. Considerando i follower raggiunti dai 530 autori, si può ipotizzare una reach di quasi 530 mila account e un’esposizione pari a 1.588.682 impression. L’account che ha generato la maggiore esposizione è @emergency_ong, mentre @AsinoMorto è l’utente più menzionato (271 volte) e con il numero più alto di retweet (195).

#costweetuzione metriche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social Network Widget by Acurax Small Business Website Designers
Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On Google PlusVisit Us On PinterestVisit Us On YoutubeVisit Us On Linkedin