650 parole in rosa

Parole in rosa, ovvero scrittura al femminile. Ormai è chiaro: lo spazio letterario contemporaneo è abitato principalmente da donne. Oggi è il genere femminile che – molto più di quello maschile – legge, scrive e si serve della letteratura. Ed è soprattutto il genere femminile che ha colonizzato i nuovi media (forum, blog, social network) per scopi letterari. Anche il marketing editoriale se n’è accorto e sta cercando di trarne vantaggio.

Ne è passata di acqua sotto i ponti, da quando Emma Bovary doveva farsi rappresentare dalla voce di un uomo – la voce di Gustave Flaubert – e risultava quindi doppiamente tradita: dal genere maschile e dalla letteratura. Non stupisce pertanto che si moltiplichino i circuiti culturali in cui la voce viene programmaticamente restituita alla donna. Come nel caso di molti concorsi letterari, anche in periferia.

650 parole in rosa per UNIPV è il titolo del concorso promosso dal Collegio Nuovo di Pavia (Fondazione Sandra e Enea Mattei) in collaborazione con l’Università di Pavia e riservato a studentesse che risultino iscritte all’Università di Pavia nell’anno accademico 2010-2011. Il concorso premierà le tre migliori prove narrative, in lingua italiana e di 650 parole, che abbiano per tema l’Università di Pavia, la sua storia, il suo presente o il suo futuro. Ulteriori informazioni sulle modalità di partecipazione – c’è tempo fino al prossimo 3 luglio – sono disponibili qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Floating Social Media Icons by Acurax Wordpress Designers
Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On Google PlusVisit Us On PinterestVisit Us On YoutubeVisit Us On Linkedin