il logo di twitter nello schermo di uno smartphone

Che cos’è un tweet

Le molteplici forme di un tweet, nella bella lezione che Marina Petrillo (@AlaskaRP) ha svolto venerdì scorso alla Scuola Holden di Torino per celebrare la conclusione del progetto #wehaveadream. Dell’iniziativa di social writing, promossa da Telecom Italia, si parla in qui. A me interessa prendere spunto da quella lezione per tornare sul tema – già affrontato nel post Intertestualità e plagio – della dislocazione del testo in quanto parametro critico per definirne intenzionalità, funzione ed effetto.

Alla domanda “che cos’è un tweet?” risponde dunque Marina Petrillo:

È un post-it, ossia una breve nota che redigiamo per fissare un contenuto qualsiasi e renderlo memorizzabile, recuperabile e condivisibile. Ma un tweet è anche un aforisma, il verso di una poesia, un annuncio che attende risposta, il frammento di una conversazione o una conversazione intera, una mappa, uno scherzo.

Ovviamente un tweet è anche una notizia, cioè la rappresentazione critica di un fatto. Circostanza che alla giornalista Petrillo interessa in modo particolare. In sostanza un tweet può essere molte cose e assumere molteplici fisionomie, a patto di non eccedere la lunghezza di 140 caratteri. Ma in tutti i casi, anche quando include immagini, è una forma di testualità. Per questo, ci ammonisce Petrillo, “quando siete su Twitter ricordatevi che non state imbrattando un muro, state scrivendo.” Ogni testo che pubblichiamo su Twitter è un’assunzione di responsabilità. D’altronde “scrivere online vuol dire imparare a gestire il peso delle parole”, ci ricorda la blogger Elasti (@nonsolomamma), pure ospite della Scuola Holden. Ecco dunque una serie di consigli che sono deontologici, prima che pratici: “Non rinunciate mai alle regole della buona scrittura, rispettate la punteggiatura, gli spazi, la sintassi”. O ancora: “Date ritmo al vostro tweet. E il verbo è ritmo, movimento”. Oppure: “La voce è tutto: precisione, accuratezza, perspicuità”. E infine: “Twitter? Una ragione in più per abolire gli avverbi in –ente”.

Ma c’è una prospettiva affatto diversa, secondo la quale un tweet non è un post-it, né un aforisma, un annuncio o un’espressione poetica. E neppure è una conversazione, uno scherzo o un articolo. Un tweet è un tweet. O meglio: un aforisma, un verso e un annuncio cessano di essere tali e diventano tweet, nel momento in cui li dislochiamo su Twitter. Perché lo spazio in cui li collochiamo – spazio innanzi tutto sociale – fa la differenza. Il mio invito è a considerare Twitter non solo come un laboratorio di riscrittura, in cui l’autore concepisce i suoi piccoli capolavori di originalità in 140 caratteri, ma semmai come uno spazio di riscrittura, in cui ricombiniamo testi preesistenti e li collochiamo in un contesto nuovo. Su Twitter l’atto della scrittura significa “letteralmente spostare il linguaggio da un luogo all’altro, proclamando a chiare lettere che il contesto è il nuovo testo” (Kenneth Goldsmith, Uncreative Writing: Managing Language in the Digital Age, Columbia University Press, New York, 2011).

È chiaro che questa prospettiva pone sfide nuove al giornalista, il quale agisce nella sfera pubblica cercando di pronunciare una voce autentica e perseguendo criteri di accuratezza e correttezza analoghi a quelli che dovrebbero valere su altri media. Le ultime due lezioni del corso Leggere e scrivere letteratura con Twitter si sono focalizzate sul rapporto fra giornalismo e social media. Qui sotto sono disponibili i materiali utilizzati durante la lezione del 24 marzo:

E in quella del 25 marzo:

Oggi abbiamo anche ospitato Marianna Bruschi (@MariannaBruschi), giornalista della “Provincia Pavese”, la quale ci ha portato una testimonianza importante del lavoro che la sua testata sta facendo per integrare Twitter nella propria strategia editoriale. Si è parlato di Twitter come strumento di accesso alle fonti, del rapporto sviluppato con la comunità dei lettori attraverso la piattaforma (si pensi ad hashtag come #trenipv, usato dal quotidiano per creare una mappa dei tweet dei pendolari della linea ferroviaria Milano-Pavia, o lo Storify #Paviaricorda, usato per ripercorrere insieme l’istante in cui, il 17 marzo 1989, la Torre civica di Pavia crollò) e di esperimenti come #TwittaPavia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Animated Social Media Icons by Acurax Responsive Web Designing Company
Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On Google PlusVisit Us On PinterestVisit Us On YoutubeVisit Us On Linkedin