Connessi e disinformati news informazione online

Connessi e disinformati

Siamo tutti connessi. Siamo, per ciò stesso, più informati? In che modo la tecnologia sta contribuendo a migliorare la qualità della nostra informazione e, in definitiva, del nostro spazio pubblico.

La risposta presuppone un discorso critico sulla tecnologia: merce rara, di questi tempi. Senza dubbio la tecnologia è una delle forze che contribuiscono in misura preponderante a determinare il modo in cui l’industria dell’informazione percepisce i fatti del mondo, realizza il proprio prodotto e distribuisce le notizie al pubblico, ma anche il modo in cui il pubblico decodifica le notizie stesse.

Dunque la tecnologia è una delle forze che contribuiscono a determinare il modo in cui l’opinione pubblica si informa. Ma quanto la tecnologia è determinante? E come le cosiddette «nuove tecnologie» agiscono nel contesto odierno?

Dobbiamo sforzarci di costruire un discorso laico e critico sulla tecnologia. Ma, quanto più la tecnologia si manifesta nella sua potenza, tanto più è difficile perseguire tale obiettivo. Oggi prevalgono le narrazioni ideologiche, che si fondano su una lettura deterministica del ruolo della tecnologia. Questo atteggiamento è facilmente riscontrabile presso i cosiddetti «tecnoentusiasti».

Un paio di esempi. Ecco che cosa dichiarava nel 2006 Derrick de Kerckhove: «Esiste nelle reti (e per estensione nell’insieme delle tecnologie digitali) una qualità o una proprietà essenzialmente democratica? Sì, assolutamente.» (Dalla democrazia alla ciberdemocrazia, in Derrick de Kerckhove, Antonio Tursi (a cura di), Dopo la democrazia?, Apogeo, Milano, 2006, 57-70). Ed ecco, in tempi più recenti, quanto ha avuto modo di osservare Beppe Grillo, intervistato da «Times»: «It’s the Internet. The Internet creates transparency, creates a change of mentality, brings people together». (Stephan Faris, Italy’s Beppe Grillo: Meet the Rogue Comedian Turned Kingmaker, «Times», 7 marzo 2013)

Agli entusiasti vengono spesso contrapposti, dalla pubblicistica corrente, i cosiddetti «tecnopessimisti». È il caso di Evgeny Morozov, autore americano di origine ucraina molto citato (si veda il suo The Net Delusion. The Dark Side of Internet Freedom, PublicAffairs, New York, 2011). A me appare corretto considerare la tecnologia, in termini sociologici, come un agente che opera, insieme ad altri fattori, in un contesto di influenzamento reciproco o di «co-costruzione». Lo chiamiamo «modellamento sociale della tecnologia». Negli anni Ottanta lo storico della tecnologia Melvin Kranzberg sintetizzò questa visione in una serie di truismi – le famose sei leggi di Kranzberg – che vale la pena di ricordare oggi. Kranzberg ci ricorda che gli sviluppi della tecnologia hanno conseguenze ambientali, sociali e umane che vanno spesso al di là degli obiettivi immediati per cui sono state concepite. Il modo in cui questi sviluppi si manifestano deriva appunto da un processo di «co-costruzione» in cui sono coinvolti diversi attori sociali. Tale processo è a propria volta influenzato dall’orizzonte di aspettative che ciascuna novità tecnologica genera, indipendentemente dalle sue caratteristiche intrinseche.

Ogni nuova tecnologia è dotata di un capitale simbolico. Questo è vero, in modo particolare, per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione: «a technology must not only succeed materially; it must also succeed symbolically» (Andreas Fickers, “Neither good, nor bad; nor neutral”: The Historical Dispositif of Communication Technologies, in Martin Schreiber, Clemens Zimmermann (a cura di), Journalism and Technological Change. Historical Perspectives, Contemporary Trends, Frankfurt / New York, Campus, 2014, 30-52, 36).

Nel caso di Internet, si può parlare di un surplus di capitale simbolico. Lo ha messo in luce molto bene Pierre Musso (Critique des réseaux, Paris, PUF, 2003): la Rete è diventata, attraverso un subdolo processo di metaforizzazione, l’archetipo dell’organizzazione sociale e tecnica contemporanea. La Rete è un idolo, che modella tutto e impatta su tutto. Crederci è una forma di religione, amministrata da scaltri sacerdoti. Costoro godono del vantaggio di poter esibire proposizioni non falsificabili, proprio perché sviluppate al di fuori del discorso scientifico.

Davvero la Rete è «intrinsecamente» democratica? Che tipo di rapporti promuovono e istituzionalizzano le forme organizzative della Rete? Rapporti egualitari o servili? Chi è «padrone» e chi è «schiavo» in Internet? Il pensiero critico che si è sviluppato intorno ai nuovi media – ricordo, fra gli altri, autori come Geert Lovink, Dmytri Kleiner e Carlo Formenti – ci rammenta che è sempre opportuno porsi queste domande.

Da un lato dobbiamo sapere che, quando ci informiamo in Rete, alcune dimensioni agiscono, orientando il discorso e modellando le nostre opinioni. Dobbiamo dunque decostruire le narrazioni della Rete, capire chi sono i narratori e domandarci quali obiettivi hanno. Dall’altro lato non dobbiamo immaginare che la Rete produca i suoi effetti su di noi in maniera deterministica. Gli effetti della tecnologia vanno spesso al di là delle intenzioni di chi la progetta e di chi la controlla, e sono il risultato di dinamiche di due tipi: top-down e bottom-up («co-costruzione»).

La Rete va vista piuttosto come un campo conflittuale. Il potere «non è qualcosa che si divide tra coloro che lo possiedono o coloro che lo detengono esclusivamente e coloro che non lo hanno o lo subiscono. Il potere deve essere analizzato come qualcosa che circola, o meglio come qualcosa che funziona solo a catena. Non è mai localizzato qui o lì, non è mai nelle mani di alcuni, non è mai appropriato come una ricchezza o un bene. Il potere funziona, si esercita attraverso un’organizzazione reticolare.» (Michel Foucault, Microfisica del Potere, Torino, Einaudi, 1977, 184).

C’è però qualcosa che giustifica l’uso dell’attributo «nuovi» utilizzato per designare i «nuovi media», ossia una qualità che rende il passaggio contemporaneo per molti versi inedito. All’espressione «nuovi media» preferisco quella proposta da Eric Schmidt: «tecnologie della connessione». Perché credo che abbiamo a che fare con qualcosa che ci porta oltre i media come li abbiamo fin qui conosciuti. I media non sono più il «Grande Altro» suggerito da Slavoj Žižek (The spectre of ideology, in Elisabeth Wright e Edmond Wright (a cura di), The Žižek Reader, Blackwell, Oxford, 1999, 53-86). Diventano un «Noi» (Dan Gillmor, We the Media. Grassroots Journalism by the People, for the People, O’Really, Sebastopol CA, 2004).

Pertanto capire che cosa i media fanno a noi risulta meno rilevante. È cruciale, invece, comprendere che cosa noi facciamo con i media. O, per meglio dire, dentro i media.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social Network Widget by Acurax Small Business Website Designers
Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On Google PlusVisit Us On PinterestVisit Us On YoutubeVisit Us On Linkedin